Storia della Catalogna

La nascita della Catalunya sino alla creazione della contea di Barcellona attraverso la storia della Penisola Iberica e della Spagna

HOME PORTALTURISMOHOTEL
Tour Spagna Tour Portogallo Tour Andorra Tour Marocco weekend in spagna Home Portalturismohotel Español Accueil Portalturismohotel Fraçaise Home Portalturismohotel English Reisen katalog
Cerca in Portalturismohotel.com:
I veideo di Portalturismohotel
logo Portalturismohotel.com
STORIA DELLA CATALOGNA

STORIA DELLA CATALOGNA INDICE ARGOMENTI NELLA PAGINA:

  1. Penisola Iberica - le tribù iberiche
  2. Divisione della Spagna in province romane.
  3. Dominazione Visigota
  4. Invasione Musulmana.
  5. I Carolingi.
  6. La Marca Hispanica.
  7. La nascita della Catalonia.
  8. La Contea di Barcellona
    Barcellona città Reale dei Conti Re
.- SEGUI LEGGENDO:
Precedente:
Storia di Barcellona
Successiva:
La Ciudad Condal i primi Conti di Barcellona
Storia della Catalogna
Oggi in Spagna ci sono 17 province ma circa 1000 anni fa, alcune
Mappa province della Spagna di queste erano regni di lingua e costumi diversi e che oggi sono uniti in un corpo unico con un'unica bandiera. Per conoscere a fondo questa realtà bisogna leggere le singole storie.

Riassunto della Storia di Cataluña (cast) Catalunya (cat) - Catalogna (It).
Hispania Citerior Tarraconensis la dominazione dei Visigoti, la dominazione Araba, i Carolingi e la marca Hispanica. Nascita delle Contee I Conti di Barcellona e la successiva nascita della Catalogna e della Corona di Aragona.

1- LE TRIBÙ IBERICHE. -
Libri e riferimenti:
Historia de Cataluña y de la Corona de Aragon. Victor Belaguer.
Resume de Historia dels Països Catalans - Ferran Soldevilla
Historia de Cataluña y de la Corona de Aragon. Victor Belaguer Le tribù Iberiche presenti nella penisola non solo si combatterono tra loro ma dovettero anche difendersi dalle invasioni di altri etnie. Alcuni popoli in seguito, si stabilirono nella penisola determinando un cambiamento sociale e culturale. I Celti che migrarono in tutta Europa, divennero i Galli, i Britanni etc. e in Italia si stabilirono nella pianura Padana. In Spagna si conoscono i Celtoiberi. Le popolazioni autoctone conosciute, sono talvolta alleate o in guerra contro gli invasori, Mappa province della Spagna ma ci furono anche colonizzazioni pacifiche come quella dei Greci di Rodi (Roses) o i Greci Focesi che dalla lontana Troia arrivarono a Marsiglia, sulla costa francese, per poi proseguire verso la Spagna stabilendosi lungo le coste (Empúries a Ampurias in Catalano vedi alcune descrizioni).

Ma furono i Fenici (Sirio Libanesi) che commerciando con gli Iberi fecero si che questi cambiarono il loro modo di vita adattandolo alle nuove opportunità sopravvenute dal commercio, divennero stanziali, costruirono case sostituendo il legno con la pietra, costruirono silos per conservare le derrate e iniziarono a produrre una maggiore quantità di ceramiche, armi o oggetti per commerciare. (In Costa Brava: Empurdan, Poblado Iberico de Ullastret - villaggi Iberici vicini a Lloret de Mar, Puig di Castellet e Montbarbat, il Turó Rodò, Coll de Llop - a Elche, la Dama de Elche etc etc).

Poi arrivarono i Cartaginesi (discendenti dei Fenici di Utica, vicino Tunisi), abili commercianti cercarono di stabilire la loro supremazia nel mediterraneo contrastando la crescente potenza Romana. Lo scontro fu inevitabile e dopo la prima guerra punica, i Cartaginesi di Amilcare, Asdrubale, Magone e Annibale Barca si stabilirono nella Penisola Iberica dove costruirono nuove città come ad esempio Nuova Cartago - Cartagena.
Indice


2 - SUDDIVISIONE TERRITORIALE DELLA PENISOLA IBERICA - Hiberica o Hispania.
Terminate
le guerre Puniche i Romani conquistarono definitivamente la Hispania con la battaglia di Numancia nel 133 a.c. (Soria)

In principio chiamarono la Penisola Iberica, Hispania e la divisero geograficamente in due regioni: la Citerior Tarraconensis e Ulterior Lusitania, in seguito, per amministrarla meglio, la divisero in tre regioni :
La Tarraconensis, la Lusitania e la Baetica

Nella tersa fase, la Tarraconensis cedette territori alla regione della Gallaecia (Galizia) e alla Cartaginensis.

Nota sull'etimologia di Hispania.
Il Topónimo viene probabilmente da i-spn-ya, termine fenicio che si trasformò in seguito Hispania, adattato anche dai Romani, sembra volesse indicare la terra dei conigli (spn) ma anche - i-spn-ya - la terra del nord. L'ipotesi mitologica invece tocca nuovamente Ercole, Heracles, o per meglio dire la sua discendenza : Hispalo e suo figlio Hispano o Hispan che furono i re di Hispania.

Con La Pax Augusta (I sec a.c.) le province divennero tre:
1. la Betica (Hispania Ulterior Baetica) dal fiume Betis (Guadalquivir con capitale Cordoba - Andalucia)
2. Hispania Citerior Tarraconensis con la capitale Tarraco, Tarragona
3. Hispania Ulterior Lusitania con capitale Emerita Augusta (25 a.c.) oggi Merida che comprendeva parte del Portogallo, Extremadura, Avila Toledo..

Successivamente vennero create anche le province :
4. Carthaginense o Cartaginensis. con capitale Cartago oggi, Nova Cartagena e la provincia..
5. Gallaecia (Galicia) che furono scisse da quella Tarraconensis.
Indice


3 - DOMINAZIONE VISIGOTA. ATAULFO.
Nel V secolo l'Impero Romano
rimase sotto l'influenza germanica in particolare dei Visigoti. In seguito al "sacco di Roma" di Alarico I (410), suo cognato Ataulfo, intenta un riavvicinamento con Roma sposandosi con Galla Placida sorella dell'Imperatore Onorio e combattendo le altre tribù germaniche, nemiche di Roma, situate in Francia per poi spostarsi (forzatamente) in Spagna e dopo la morte di Alarico, si fece eleggere Re dei Visigoti (410/415) stabilendo la sua residenza, come racconta una leggenda, nell'edificio che divenne il Palacio Real di Barcellona sino alla sua morte (415). Quindi Barcellona fu la prima capitale Visigota.
Re Eurico (440/484) conquistò parte dei territori francesi, quindi trasferì la capitale del regno da Barcelona a Tolosa incorporando la Catalogna nel suo regno.. Successivamente i visigoti, pur mantenendo il controllo sulla regione della Settimania (Francia) vennero spinti definitivamente in Spagna dopo la battaglia di Voulillé (507).
Nel 561 il Re Leovigildo fece di Toledo la nuova capitale Visigota della Spagna
.
Indice
al-Andalus in Hispania

4 - INVASIONE ISLAMICA DE 711 E LA SUCCESSIVA DOMINAZIONE.
L'invasione della Penisola Iberica, secondo i cronisti Arabi dell'epoca, fu il risultato del proprio espansionismo musulmano, gia in atto dal VII con la conquista dei territori del Magreb (nord Africa - Marocco- Tunisia - Algeria-..) che venne facilitata dalla lotta tra due fazioni Visigote quella di Roderico o Don Rodrigo, eletto re dai nobili dopo la morte di Witiza e i sostenitori di Agila II, figlio di Witiza e suo diretto successore sostenuto da Don Giuliano governatore di Ceuta e dal Vescovo di Toledo, Oppas, fratellastro di Witiza. Abbiamo inserito la storia del al-Ándalus en Hispania, per il momento in spagnolo.
 
L'oligarchia Visigota non fu indenne da lotte interne sostenuta tra le grandi famiglie visigote e quando morì il re Witiza, (710) Roderigo, che godeva dell'appoggio di molti nobili si contrappose a Agila II o Akila, legittimo erede al trono di Witiza però Don Giuliano di Ceuta, che secondo alcuni aveva risentimenti personali contro Don Rodrido il quale aveva disonorato sua figlia Florinda, cercò di favorire Agila alleandosi con Muza Ibn Nusayr che possedeva un flotta (doto contrastato da distinti storici) già protagonista di incursioni in Sicilia nel 686, e ad un capo berbero Tariq ibn Ziyad al comando di circa 18.000 uomini, come già accennato nella Storia di Barcellona, a cambio di una ricompensa.

Tariq detto il guercio, il 30aprile del 711 sbarcò a Gibilterra (Jabal al-Tāriq la montagna di Tariq) e dopo pochi mesi sconfisse Roderigo a Guadalete (luglio 711). Ma Tariq non si ritirò dai territori conquistati anzi, nella sua avanzata verso Siviglia, Cordoba e successivamente verso Zaragoza etc non incontrò una grande resistenza e i Visigoti non furono in grado di formare un nuovo esercito per contrastarlo. Da quel momento iniziò La Dominazione Musulmana.

Gli arabi proseguirono la loro conquista chiamando in aiuto il Califfo omayyadi di Damasco, Al-Walīd I ibn Abd al-Malik. Vista l'impossibilità di controllare i territori e di proclamarsi re dei Visigoti, Agila si ritirò a Toledo con la sua famiglia e divenne vassallo del califfo. Coloro che lo sostenevano elessero Ardo o Ardon loro re che fu l'ultimo sovrano Visigoto. Ma già nel 725 i musulmani controllavano tutta la penisola compreso la Catalogna e la Settimania. (Infatti Girona venne conquistata nel 715). Ardo rimase re sino alla sua morte nel 720 c.a. avvenuta nella città di Narbonne nel tentativo di resistere alle forze musulmane.
Indice

5- I CAROLINGI.
Gli Arabi, visto le facile vittorie ottenute, si spinsero nell'interno della Francia ma a Mappa province della SpagnaPoitiers (732) si scontrarono con Carlo Martello, maggiordomo di palazzo del regno Merovingio (capo del palazzo di governo o Duca di palazzo). Il successore di Carlo Martello fu suo figlio Pipino il Breve che depose e rinchiuse Childerico III in un monastero e con l'aiuto Papa Stefano IIsi fece eleggere re di tutti i Franchi a cambio del suo aiuto contro l'impero Bizantino. Roma cessò di essere un Esarcato Bizantino e divenne lo Stato della Chiesa. La Francia di Pipino il Breve divenne in seguito l'Impero Carolingio con l'elezione di Carlo Magno a Imperatore del Sacro Romano Impero per mezzo del Papa Leone III..
In questo contesto nacque la Marca Hispanica, una divisione territoriale.

Nota Significato di Marcha Hispanica. Marca sta per distretto militare o frontiera del regno, infatti la Marca de Gòtia fu la frontiera dei Franchi dal 817 al 878 c.a. che comprendeva anche la Settimania (nome che le viene dalla VII Legione Romana che controllava quella zona). Ancora oggi la Catalogna è suddivisa in 41 "comarche".

Le cronache di quei tempi descrivono la presa di coscienza delle popolazioni che appartenevano alle due parti dei Pirenei, Hispania abitata dai Catalans mentre la Gòtia o Settimania abitata dei Narbonnesi, Narbonnais (da Narbonne). Infatti gli abitanti delle terre Catalane aderirono al progetto di questa frontiera che proteggeva la Francia da possibili invasioni Musulmane.
Indice

LA MARCA HISPANICA
Marca HispanicaLa delimitazione della Marca Hispanica corre lungo la linea o la demarcazione dell'antica Hispania Citerior Tarraconensis.
Nella realtà La Marca Hispanica coincideva con i territori della Settimania o Gothia che in seguito venne estesa anche a Barcellona sino al fiume Llobregat le cui capitali erano Barcellona e Narbona (Narbonne). La Marca prende corpo quando le popolazioni pirenaiche del lato spagnolo si rifugiano nel Conflet e Roussillon e Carlo Magno per arginare l'espansione Araba, inizia la riconquista creando a sua volta una serie di Contee a protezione del territorio Francese. Da queste contee "Carolinge" nacquero i regni di Pamplona e successivamnte Aragona. La Contea di Barcellona non divenne un regno però i Conti furono considerati come tali come per esempio Berenguer III.

Nota: In seguito - i territori amministrati dai conti di Barcellona andavano dal fiume Ebro al "marchesato di Gothia" arrivando sino a Montpellier, dove nacque il famoso Giacomo I de Aragona detto il Conquistatore, Jaume el Conqueridor in catalano. L' antico vessillo della casata era appunto uno scudo con quattro strisce rosse su campo giallo. Senza scordare la Provenza acquisita da Berenguer III in conseguenza la matrimonio con Dolce di Provenza (1112 /1113).

7 -LA NASCITA DELLA CATALUNYA (CATALOGNA) e delle contee Catalane.-
Condados Catalanes. Il temine " Paisos Catalans - Paesi Catalani " nacque successivamente dopo la creazione della Corona di Aragona.

La nascita di un popolo ha una gestazione di secoli e coglie momenti differenti nel suo percorso.
Il tratto di mare su cui affaccia l'attuale Catalogna sicuramente ha influito sulla natura delle popolazioni pre-romaniche e sulla lingua che queste parlavano.

Queste popolazioni una volta riunite nella geografia romana fecero parte della Hispania Citerior Tarraconensis per poi confluire nel processo di formazione dei Condados Catalanes con formule di convivenza con i paesi della Lingua d'Oca, Languedoc, ed in parte con quelli di Aragona. La successiva federazione Catalo Aragonese mediterranea mantenne un criterio di ispirazione federalista o autonomista e venne regolata da norme di origine medievale (nate sulla base delle convenienze, degli usi e dei costumi) che in principio vennero dettate dal clero con la Pau e Treva de Deue che in seguito si concretizzarono in gli "Usatges de Barcelona".

Ancora oggi si dibatte sull'origine del nome Catalunya che forse trae origine dai Castelli (che si costruirono in abbondanza sulla marca Hispanica) e dagli Alani (popoli goti) che invasero la penisola e forse da qui nasce Cal, o Càlat o Kalat che vuol dire castello + Alani. Secondo Joan Vernet, "Talunya", che stava nei pressi di Lleida sotto la dominazione araba di Al-Udrí (1085) aveva un Kalat, un castello e molte opinioni sono concordi che il termine Catalunya proviene da Ka Talunya. Inoltre, secondo una cronaca Pisana del 1115 -1117, la Liber Maiolichinus, si parla della conquista di Maiorca e Ibiza da parte dei Pisani e Catalani, ovvero viene evidenziato il sentimento collettivo del Contado de Barcelona.
Indice

8 - LA CONTEA DI BARCELLONA - EL CONTADO DE BARCELONA. LA CAPITALE REALE DEI CONTE - RE - LA CASATA DI BARCELLONA.

Definire i limiti della contea di Barcellona significa vedere di volta in volta i possedimenti dei CONTI di BARCELLONA o della "Casata di Barcellona" che per discendenza, conquista o meglio per opportunità diventavano i Signori di quei territori.
Per iniziare sappiamo che parte dei territori della Marca Hispanica inizialmente furono gestiti per conto dei Re Carolingi da Conti di origine Gota per fedeltà alla corona e per meriti ottenuti in battaglia.

I TERRITORI DELLA CONTEA DI BARCELLONA.

Questi territori erano quelli della Septimania, arrivando sino a Carcassonne toccando Nimes, Narbona e Béziers che nel 844 furono dati al conte Sunifredo I - padre di Guifré el Pilós, da Ludovico il Pio. Sebbene i testi storici divergano, Sunifred I (cat) è figlio del Conte Berà di Carcassonne...

la contea di barcellona al tempo di Wifredo el Velloso X nsecolo - Barcellona
- Roussillon
- Urgell
- Cerdanya
- Osona
- Girona
- Besalú
- Conflent

I territori della contea arrivarono sino al confine attuale della Catalogna. Va considerata anche la Signoria di Montpellier e della Provenza (Berenguer III). Quindi la "Contea di Barcellona va vista attraverso il tempo. Nell'immagine possiamo vedere i territori che inizialmente furono dati o conquistati da Guifré el Pilós o Wifred el Velloso.

I CONTI RE -
CATALUNYA OCCITANA 1112 1213Ramon Berenguer III dopo il matrimonio con Dolce di Provenza acquisì la Provenza per questo motivo viene segnalato come l'apice dei Conti di Barcellona considerando anche l'estensione dei territori controllati. I discendenti dei Conti di Barcellona daranno vita alla Corona di Aragona - la confederazione Catalo - Aragonese. I Re della Corona di Aragona erano anche Conti di Barcellona e per questo si dice i CONTI RE. Per meglio comprendere questa situazione leggere La Storia della Corona di Aragona.


Durante i regni di Alfonso II e Pere I el Catòlic i territori controllati prima dai conti catalani e poi dai Re della Corona di Aragona, andavano dal fiume Ebro sino alla Provenza anche se a all'epoca di Jaume I el Conqueridor, quest'ultimo territorio venne ceduto alla Francia. Questa perdita comunque venne compensata con la conquista di Maiorca (Mallorca) e Valencia con la conseguente espansione della Corona di Aragona nel Mediterraneo. Da qui in poi i paesi annessi alla Corona che parlavano in Catalano vennero chiamati i Paisos Catalans.

Curiosità: Spesso gli storici Aragonesi sostengono al contrario dei catalani i loro re come Re Argonesi, però molti di questi non parlavano ufficialmente "Aragonese" ma bensì Catalano". Non a caso nelle Baleari ed in Valencia, conquistate da Jaume I si parla una lingua de tutto simile al Catalano e le innovazioni in termine di leggi come il
Llibre del Consolat de Mar e gli Usatges non furono redatti in Aragonese..

LA CAPITALE DELLA VASTA CONTEA E DELLA CORONA DI ARAGONA.
Anche se Zaragoza era la capitale del "Regno di Aragona" e successivamente all'unione con Catalogna, lo fu della "Corona di Aragona", BARCELLONA forse facilitata per l'accesso a mare venne scelta da Petronilla e Berenguer IV come sede principale divenendo così una co-capitale di un vasto territorio. Possiamo affermare che a parte Alfonso II, tutti e re della Corona di Aragona operarono maggiormente da Barcellona basti pensare che Jaime I o Jaume i el conqueridor creò l'Archivio della Corona Aragonese proprio in questa città, ne a Valencia, ne a Maiorca e ne a Zaragoza.

Indice

Itinerati turistici Spagna NAVIGA NEL PORTALE
INDICE DEL PORTALE
INDICE GUIDA DEL PORTALE
PORTALE: BARCELONA
STORIA DELLA CATALOGNA
STORIA DELLA CATALOGNA
Storia della Catalogna Historia de Catalunya
STORIA DELLA CATALUNYA
VOTA LA PAGINA -
Contribuisci a migliorarla
I -INSUFFICIENTE
S- SUFFICIENTE
B -BUONO

ISB

GRAZIE

STORIA DELLA CATALOGNA IMMAGINI

MAPPE DELLA SPAGNA DAGLI IBERI ALLA MARCA HISPANA - DALLA CONTEA DI BARCELLONA ALLA CORONA DI ARAGONA - ESPANSIONE NEL MEDITERRANEO.

ITINERARI TURISTICI BARCELLONA
Visite guidate Barcellona

GUIDA DI BARCELLONA VISITE GUIDATE
INFORMAZIONI TURISTICHE
Informazioni turistiche Visite guidate

DESCRIZIONI - STORIA - LEGGENDE

VIDEO STORIA DELLA CATALOGNA

DESCRIZIONE BARCINO ROMANA
Barcino Romana Barcelona
INFORMAZIONI TURISTICHE

STORIA DEI CONTI DI BARCELLONA
Storia dei Conti di Barcellona Barcelona ciutad Condal
BARCELONA CIUTAD CONTAL
STORIA DELLA CORONA DI ARAGONA
STORIA CORONA DI ARAGONA
HISTORIA DE LA CORONA DE ARGON
STORIA DEI SOVRANI DI ARAGONA
Storia della Corona di Aragona Los Reyes de Aragón
DISCENDENTI DI GIUFRÉ EL PILÓS

Sito archeologico di Numancia -Soria
Sito archeologico di Numancia -Soria

MAPPE DELLA STORIA DELLA CATALOGNA
Spagna Romana e Visigota - nascita del Contado de Barcelona - la contea di Barcellona - la Corona di Aragona
MAPPA DELLA SPAGNA OGGI
MAPPA DELLA SPAGNA OGGI
Elenco delle comunità Autonome della Spagna
La Colonizzazione romana e le tribù Iberiche
La Colonizzazione romana e le tribù Iberiche
territori amministrati dai Carolingi
Territori Europei dei Carolingi

Condatos de Barcelona La contea di Barcellona Giufre' el Pilos

1 -La Contea di Barcelona
al tempo di Giufré el Pilos

2 -Contee Catalane nel 988

TERRITORI DELLA CORONA ARAGONESE 1137 1196
Territori della Corona Aragonese 1137 1196

Bandiera della Catalogna
Bandiera della Catalogna

Info Portalturismohotel Contatta Portalturismo info@portalturismohotel.com Lloret de Mar Spagna -

Valid HTML 4.01 Transitional Google Pagerank mérés, keresooptimalizálás Sito ottimizzato con TuttoWebMaster LINK CONSIGLIATI: