Museo Dalí Figueras
il palco

DESCRIZIONE DELL'INTERNO: IL PALCO -  2ª PARTE (4)

HOME PORTALTURISMOHOTEL
Tour Spagna Tour Portogallo Tour Andorra Tour Marocco weekend in spagna Home Portalturismohotel Español Accueil Portalturismohotel Fraçaise Home Portalturismohotel English Reisen katalog
Cerca in Portalturismohotel.com:
I veideo di Portalturismohotel
logo Portalturismohotel.com
MUSEO DI FIGUERAS
Il PALCO
NELLA PAGINA: MUSEO SALVADOR DALÍ DI FIGUERAS
*Alcune immagini sono state tolte perché non sappiamo se infrangono i diritti d'autore.. in questo caso del Museo Dalí
.- SEGUI LEGGENDO:
Precedente:
Figueras - Descrizione interno Atrio Platea
Successiva:
Museo di Figueras le altre sale

PAGINE PRINCIPALI ITINERARIO MUSEI DALÍ
»
Museo Dalí Figueras -Museo Port Lligat-
Museo Púbol
Musei Salvador Dalí Figueras inteno

Viaggio nel Surrealismo di Salvador Dalí

Una volta saliti sul palcoscenico del ex teatro di Figueras una quantità di immagini riempiono le pareti e dalla cupola, la luce che filtra attraverso i cristalli ne aumenta la definizione. Un illusione indescrivibile che man mano prende vita quando ci soffermiamo a guardare ogni singolo oggetto trasportandoci in un ambiente surreale.

Elucubrazioni su Salvador Dalí.
Sono molte le considerazioni autorevoli sul grande personaggio che comunque possedeva una tecnica pittorica fuori del comune applicata con intelligenza nel descrivere in mondo "surreale", ciò che lo circondava o quello che lo stupiva e che ancora oggi non finisce di stupire osservatori e critici. Tra le righe di ciò che ha scritto e di quello che ha detto, ci pare di scorgere il sottile " significato proprio" de surrealismo : la completa libertà di pensiero e di espressione, tenendo conto di questo, Salvador Dalí, si è convertito nel sinonimo del surrealismo. Ci sembra inoltre, che molte interpretazioni sulle opere non siano supportate da commenti che portano la firma del pittore, quindi risultano essere "libere da interpretazioni". Per questo motivo... non ce ne vogliate se azzardiamo alcune considerazioni "fuori le righe". D'altronde lo spirito enigmatico delle opere del grande pittore è lontano dal essere svelato. Autore Lorche.
Inizio

IL PALCO.

Se la visita fosse in notturna (come in estate), una musica di Richard Wagner relativa al mito di Tristano e Isotta, ci indica l'amore eterno tra i due personaggi come se Dalí volesse indicarci parallelamente il suo amore per Gala.

Intuitivamente nella sala, le immagini mostrano riferimenti in forma reale che ci conducano ad una illusione.

CUPOLA GEODETICA.
Salvador Dalí solitamente inserisce nelle sue opere riferimenti alle scoperte scientifiche che maggiormente si adattano alla visione surreale del mondo che vuole descriverci. Nel caso della cupola Geodetica, costruita per la prima volta da un ingegnere tedesco, Walter Bauersfeld, per l'industrie ottiche Zeiss, venne riproposta da un inventore americano Richard Fuller con varie utilità belliche e civili.
L'idea della cupola venne realizzata da Pérez Piñero nel 1972. Le indicazioni simboliche sono diverse..

- La cupola paragonata alla visione che può avere la mosca, cioè un'immagine reticolare o poliedrica ovvero un insieme di immagini molteplici quindi...surreali.
La mosca, nell’iconografia Daliniana, si contrappone alla cavalletta (Saltamonte) per la quale prova una ripugnanza e alla formica che rappresenta il crepuscolo della vita.

- La cupola assimilata ad un insieme di prismi le cui sfaccettature riflettono la luce in maniera diversa (surreale)

- Potrebbe essere assimilata come la madre terra o paragonata alla visione Interiore /Esteriore - Anima /Corpo.
Quindi Salvador Dalí proponendo l'immagine del mondo, pone in comunicazione l'universo interiore a quello esteriore.

- Potrebbe anche riferirsi al periodo del modernismo ed il cambio da esso prodotto (es. la fine delle linee rette..)

IMMAGINI TUTELARI.
Come per la platea con i manichini dorati Dalí propone le immagini tutelari.
Come si usava anticamente nel mondo Greco e Romano, nei templi o negli edifici sacri venivano poste delle immagini, riferite a divinità, che tutelavano il luogo... le immagini che vediamo hanno atteggiamenti gesticolanti o eroici.

TITANO.
Il titano come artefice della pioggia (anche se le gocce si crearono casualmente). Potrebbe rappresentare parallelamente la creazione del mondo mitologico e mondo Daliniano.Gli indizi : il Titano, la cupola (mondo) e i la lotta tra i giganti.
Inizio

La leggenda della nascita del mondo
(cupola).
 Si racconta che prima, esisteva solo lo spazio senza pianeti e quindi senza stelle. 

Era il Caos senza alcuna forma, quando comparve Gea o Gaya, la madre terra che generò Uranio ovvero il cielo che fecondò la terra (Gea) con una pioggia benefica.... e da qui l'allusione al titano. 

Anche se non esiste nessun commento da parte di Dalí, casualmente corrisponde in parte alla storia che seguendo, narra che Gea si sposò con lo stesso Urano da lei generato e insieme dettero vita a 12 titani (maschi e femmine) etc. 

Un giorno Urano, temendo di essere spodestato dai suoi orrendi figli, li fece sprofondare al centro della terra e per questo, forse, troviamo un riferimento dalla parte opposta del titano con le immagini che indicano la Lucha de gigantes (1977), la lotta dei giganti dove appare una tragica lotta tra titani (giganti) per ascendere all'Olimpo. 

Il riferimento alla parte mitologica della Gigantomachia si deve al dipinto della Sala dei Giganti nella Palazzo Te di Mantova eseguita dal Pittore del rinascimento, Giulio Pippi meglio conosciuto come Giulio Romano.

LA CREAZIONE DEL MONDO DALINIANO.
Un altro riferimento alla creazione del mondo lo vediamo in altro a destra, sicuramente Dalí riproducendo il disegno della creazione di Michelangelo della Cappella Sistina voleva porgere un omaggio al grande artista (nella sala infatti è presente anche il Mosè) ma gli indizi sinora descritti possono indicarci un altro scenario surreale : la creazione del mondo Daliniano. In questo mondo potrebbe essere presente la nascita (Cupola /Demetra /Ventre) e di tutto questo viene contenuto il corpo del suo creatore, infatti nel centro del palco, una lastra indica la cripta che contiene il corpo di Salvador Dalí come se volesse indicare che il suo spirito vivrà per sempre. Nell'immagine, La lotta tra i giganti.

PER CHI NON FOSSE D'ACCORDO
ricordiamo :Il metodo paranoico critico, che con parole sue Dalí descrive come,

IL METODO SPONTANEO DI CONOSCENZA IRRAZIONALE
DEI FENOMENI DELIRANTI

SFONDO DEL BALLETTO “LABIRINTO” N.Y. 1941 Metropolitan Opera House.
Nello sfondo coreografico del teatro Salvador Dalí pone un insieme di simboli che vanno dal mito di Teseo e Arianna (che era il tema della rappresentazione al Metropolitan) a quello della metamorfosi di Narciso. Nella porta sul petto del soggetto c'è anche l'albero, chiara allusione al rapporto Conscio /Inconscio oppure la porta vista come accesso al interiore della persona. Nel balletto di New York la tela era la sfondo del mito dell'amore tra Teseo e Arianna forse paragonati al rapporto profondo che Dalí aveva con Gala.

UOVO SIMBOLO DELLA GESTAZIONE E DELLA VITA.
contiene il germe della molteciplità umana che culmina con la morte che viene espressa con l'isola dei morti. Come disse l'autore dell'idea originale dell’isola dei morti, Arnold Böcklin : Chi guarda questo quadro deve aver timore di disturbare il solenne silenzio con una parola espressa ad alta voce.
Nello sfondo compaiono le rocce di Cap Creus. Si intravede la Metafora della morte o al limite della tristezza e malinconia come proposta dal quadro di Modest Urgell, nella sala dei capolavori, dove viene rappresentato il grigio cimitero.

Perché la testa a forma di uovo.
Sicuramente si riferisce alla LA METAMORFOSI DI NARCISO del 1936 37.
Da dove viene l'idea : da un viaggio in Italia. Dalí spesso fa riferimento al rinascimento italiano che si denota dalle posizione che hanno le figure sullo sfondo. Quindi ripropone il mito di Narciso che dotato di straordinaria bellezza non potendo possedere la sua immagine riflessa nello specchio d'acqua si trasforma in un fiore. Anche se abbiamo diverse versioni di questo episodio mitologico (es quello della ninfa Eco) non dobbiamo scordare che Dalí, già da piccolo cercava l'attenzione di tutti.... Si racconta che nei primi anni di scuola improvvisamente Dalí dette una testata ad una parete o altro. Quando gli insegnanti gli domandarono il perché di questo gesto, rispose semplicemente : nessuno mi faceva caso. Non scordiamo inoltre il periodo passato con García Lorca dove i due, forse per gioco, definivano tutto ciò che era "convenzionale" come "putrefatto" (infatti ci sono vari quadri su questo argomento) quindi si può pensare ad una questione psicologica che Sigmund Freud avrebbe chiamato Narcisismo. Infatti Dalí attribuiva una grande importanza a questo quadro in quanto, mostrandolo al famoso psicoanalista lo descrisse con il metodo paranoico critico.

LINCON - GALA NUDA CHE OSSERVA IL MARE. 1975.
Come dicevamo, Dalí era molto attento alle innovazioni che trasformava in idee base per i suo quadri. Infatti questa opera rappresenta uno "Studio sulle immagini digitalizzate" omaggio al pittore russo naturalizzato americano, Mark Rothko. Se provate a vedere l'immagine da circa 18 metri ( o con una macchina fotografica digitale) potrete intendere di cosa si parla. Gala si converte in Abramo Lincon. Si può osservare l'effetto anche sull'immagine riportata al lato.

EL TORERO ALUCINÓGENO 1968 70.
Rappresenta il crepuscolo della morte.Dalí rende omaggio al Torero Manolete. (tela del museo in florida S. Pietroburgo). Il quadro mostra un'arena deserta dove compare Gala che quasi come un fantasma osserva apparire il volto di Manolete tra le forme delle veneri di Milo. Sembra quasi una metamorfosi spettrale che viene osservata dal piccolo Dalí quasi inerme di fronte alle gigantesche mosche. Il toro morente immerso nella riproduzione della baia di Cadaques ed altri piccoli particolari che ci indicano tutto quello che abbiamo tra la vita e la morte, tra la realtà ed il sogno.
Altri particolari come le piccole bolle di colore che secondo alcuni rappresentano una danza crepuscolare.. . Non sappiamo con certezza a chi (oltre Manolete) è dedicato il quadro, forse al suo amico, García Lorca.

Le 4 veneri di Milo costituiscono insieme ai punti e alle mosche (simbolo della morte) il viso di Manolete che versa una lacrima prima di morire.
Dali volle integrare in un solo quadro tutta l’iconografia daliniana, la venere di milo, il viso fantasma gala ed il toro morto, il piccolo Dalí che osserva l’avvento della morte…la decomposizione materia organica attaccata dagli insetti.
Dalí considera la mosca come l’insetto paranoico critico per eccellenza. La Venere di Milo non è l'unico riferimento mitologico al quale Dalí si ispira, infatti incontreremo altre veneri con diversi significati e anche la Vittoria alata di Samotracia.

Meccanica motoria del Cristo realizzato da Piñero.
L'intenzione era quella di mostrare la reazione di spasmo del Cristo man mano che si apre la struttura metallica costruita da Piñero, però potrebbe anche riferirsi al periodo in cui Dalí comincia a disegnare figure sacre come ad esempio il Cristo di san Juan de la Cruz.

Nota
. Non è l'unico riferimento al “Cristo di san Juan de la Cruz” (1951) che si trova nel museo, rappresenta un accostamento alla fede dalla quale Dalí non si era mai staccato completamente ma che pareva incompatibile con lo spirito surrealista. L'importanza della tela, che rappresenta emozionalmente un riavvicinamento, disegnato alla maniera dei Manieristi più famosi, evidenzia una tecnica pittorica fuori del comune. The Glasgow Art Gallery.

RUGGERO CHE LIBERA ANGELICA - Roger liberando a Angelica. (San Giorgio e la donzella - Ludovico Ariosto.)
Amanda Lear fa da modella a Dalí il quale evidenzia le curve della donzella come provocazione sessuale. Salvador Dalí e Max Ernst dissero: BISOGNA CONCENTRARCI SULLE LINEE..e sulle curve.. degne dei Greci immortali. Parodia dell'omonimo quadro esposto al Louvre di Auguste Dominique Ingres sopra il tema dell'Orlando il Furioso.

CRISTO TWISTEATO 1976.
Solitamente come faceva Gaudi, Dalí ripropone l’effetto della multivisione con l'uso degli specchi. Dopo aver terminato questo cristo lo fece sommergere in un bagno di elettrolisi dove conseguentemente la figura si deformò ritorcendosi

ESPLOSIONE DI FEDE MISTICA AL CENTRO DI UNA CATTEDRALE 1974. Explosión de fe mistica en el centro de una catedral.
Altra composizione con il sistema multivisione cioè con ausilio di specchi per creare una sensazione di maggior…. profondità che equivale a maggior sentimento mistico. La stella che esplode rappresenta la fede scoperta, da colui che la cerca. Allegoria della fede. L'ambiente dove si svolge il fatto sembra rappresentare un angolo della Basilica di San Pietro.

SAN NARCISO E LE MOSCHE 1973.
Dalí considera la mosca come l’animale paranoico-critico per eccellenza. La tela descrive il miracolo delle Mosche di San Narciso contro i Francesi. Vedi la storia : Mosche di San Narciso

EL POLL E LA PUÇA. Il pidocchio e la pulce.
Omaggio a due personaggi leggendari di quando Dalí era piccolo. Amadeu Torres e Teresa Marques, una coppia di gitani che suonavano un organino. Dalí lo realizza alla maniera di Oliver Brice come aveva fatto nella platea con la venere velata.

MOSÈ, il monoteismo.
Omaggio a Michelangelo Buonarroti. Nella sala sono presenti alcuni riferimenti al grande artista rinascimentale, Le mani della creazione e il rostro de "la noche".

VERSO LA SALA DELLA PESCADERIAS.
EL ROSTRO DE LA NOCHE.
L'idea viene della tomba dei Medici (Tombe Medicee di Giuliano e Lorenzo de Medici) sulla quale Michelangelo pone questa immagine che genera sconforto.
Rostro de Beethoven (viso di Beethoven ) fatto con la tinta espulsa da due polipi che rappresenta la versione Daliniana della manipolazione artistica fatta a caso.

SEGUE: MUSEO DALÍ FIGUERAS TERZA PARTE - LE SALE.


Guida turistica della Spagna e Catalogna NAVIGA NEL PORTALE
INDICE DEL PORTALE
INDICE GUIDA DEL PORTALE
PORTALE: SALVADOR DALÍ
BIOGRAFIA DI SALVADOR DALÍ
MUSEO SALVADOR DALÍ FIGUERAS
Descrizione atrio e platea museo Dalí Figueras
DESCRIZIONE DELL' ATRIO E PLATEA
VOTA LA PAGINA -
Contribuisci a migliorarla
I -INSUFFICIENTE
S- SUFFICIENTE
B -BUONO

ISB

GRAZIE

INFORMAZIONI TURISTICHE ITINERARI
Informazioni turistiche Visite guidate
GUIDA TURISTICA CITTÀ DELLA SPAGNA
IL SURREALISMO - DALÍ VITA E OPERE
MUSEI DALÍ
DESCRIZIONE MUSEI SALDADOR DALÍ
Biografie Pittori, Architetti
BIOGRAFIE PITTORI E ARCHITETTI
VISITE GUIDATE GUIDE TURISTICHE
VISITE GUIDATE GUIDE TURISTICHE
VISITE GUIDATE LISTA GUIDE LOCALI
Visite guidate Musei Salvador Dalí
Informazioni Musei di Barcellona e Musei Dali Costa Brava
MUSEI BARCELLONA E COSTA BRAVA
VIAGGI IN CATALOGNA PER VISITARE I MUSEI DI SALVADOR DALÍ
VIAGGI A BARCELLONA
pACCHETTI VACANZE BARCELONA SITGES E MONTSERRAT
BARCELONA SITGES MONTSERRAT
VIAGGI ORGANIZZATI COSTA BRAVA
VIAGGI ORGANIZZATI COSTA BRAVA

OFFERTE VIAGGI INDIVIDUALI
Lloret de Mar - Costa Brava

  1. Offerta - Lloret de Mar
  2. Vacanze di Pasqua
  3. Vacanze di Carnevale
  4. Vacanze di Natale e Vacanze di Capodanno
Info Portalturismohotel Contatta Portalturismo info@portalturismohotel.com Lloret de Mar Spagna -
statistiche Valid HTML 4.01 Transitional Google Pagerank mérés, keresooptimalizálás Sito ottimizzato con TuttoWebMaster

LINK CONSIGLIATI - LINK EXCHANGE: