Jaime I el conqueridor
Giacomo I

I conti re della Corona di Aragona

HOME PORTALTURISMOHOTEL
Tour Spagna Tour Portogallo Tour Andorra Tour Marocco weekend in spagna Home Portalturismohotel Español Accueil Portalturismohotel Fraçaise Home Portalturismohotel English Reisen katalog
PicoSearch
Site Search by PicoSearch. Help
I veideo di Portalturismohotel
logo Portalturismohotel.com
JAUME I EL CONQUERIDOR

GIACOMO I IL CONQUISTATORE
INDICE DEGLI ARGOMENTI - 4ª PARTE
- I SOVRANI DELLA CORONA DI ARAGONA
- JAUME I
  1. Jaume I el conqueridor- Giacomo I il Conquistatore
  2. Trattato di Corbeil
  3. Le riforme storiche di Jaume I
    Llibre del Consolat de Mar
    Usatges de Barcelona
    Le Corti Catalane -
    Consell de Cent - Saló de Cent.
  4. La Barcellona dei Re della Corona Aragonese.

.- PAGINE A SEGUIRE:
.- Indice guida storica di Barcelona - gli edifici medievali

.- Sovrani della Corona di Aragona
 

Cerca in Portalturismohotel.com:
Sovrani Aragonesi i Re di Aragona



scudo dei Conti di Barcellona
3°RE - JAUME I EL CONQUERIDOR - GIACOMO I IL CONQUISTATORE
JAIME I DE ARAGÓN (CAST) (1208 -1276)
Una nobile discendenza; nelle sue vene scorre sangue con un dna che va dalla corona Aragonese, Castigliana, Francese e per ultimo anche quello Bizantino per parte di madre. Allevato da un poderoso guerriero, cresciuto tra il misticismo e la regola templare non poteva essere da meno che il grande :

Jaume I

JAUME I EL CONQUERIDOR (1208 Montpellier - 1276 Alzira). il Conquistatore", le viene attribuito per aver conquistato Mallorca (1229) e Valencia (1238) fondando i rispettivi regni..

Nel Castell de Montsó rimase per alcuni anni insieme ad un altro rampollo Ramon Berenguer V di Provenza per essere educati dal maestro templare Guillem de Montredon. Data la giovane età viene nominato un Reggente, Sanç d'Aragó che era il fratello di Alfono II che continuerà la politica del nipote Pedro II il cattolico. Questa situazione provocherà alcuni dissensi nei nobili che Jaume dovrà risolvere con risolutezza.
Quando i territori aderivano alla Corona di Aragona Jaume, gli dava lo "Status di regno".

Le conquiste di Valencia e Mallorca furono possibili perché Jaume ripartiva le terre con i nobili che partecipavano alla riconquista inoltre, quella di Mallorca consentì di ampliare le rotte commerciali verso la Sardegna e l'Italia e conseguentemente le le popolazioni musulmane che rimanevano in Spagna venivano incoraggiate nelle coltivazioni agricole specie nei territori Valenziani dove oggi ancora si coltivano gli agrumi in particolare le famose arance di Valencia. Segui leggendo La conquista di Mallorca e la storia del Regno di Mallorca -
Foto Jaume I Saló dels Cent Jurats

Va ricordato l'episodio della riconquista di Murcia (1266) a danno dei Musulmani che a sua volta l'avevano presa ai Castigliani di Alfonso X il Savio.

Violant d'Aragó
era la 2ª figlia di Jaume I e sposa del re castigliano, per questo chiese aiuto al padre a nome del marito quindi venne inviata un armata Aragonese comandata dal primogenito e fratello di Violant Pedro che si chiamerà Pedro III el Gran che riconquistò la città che fu donata ad Alfonso X.

IL TRATTATO di CORBEIL - LE MOGLI E LE AMANTI.
Con il trattato Jaume I cedette molto a cambio di quello che già aveva per questo viene criticato duramente dagli storici catalani inoltre il trattato di Corbeil poneva fine alla espansione ultrapirenaica della Corona Aragonese.

Certamente dopo la battaglia di Muret fu necessario una rinuncia ad alcune terre della Francia ma questo porterà a buoni rapporti di vicinato che consentiranno una tranquilla espansione della Corona di Aragona per questo venne firmato il trattato di Corbeil (1258).
Nel trattato con Luigi IX conosciuto con Sant Louis, Luis IX rinuncia ai diritti "Teorici" sui territori che i Carolingi concessero ai Conti Catalani. Pertanto al conte re Jaume I rimaneva:
nella Catalogna: Ampurias, Barcelona, Besalú, Cerdaña, Conflent, Gerona, Osona, Rosellón e Urgel.
in Francia: il viscontado di Carlat la signoria di Montpellier e la baronia di Omeladés

Jaume I rinunciava ai diritti /possedimenti a favore di Luigi IX dei territori Occitani che comprendevano:
Tolosa Albi e Carcassonne, Quercy, Narbonne,  Rasés, Béziers,  Agde e Nimes (già feudatario dal 1112), Rouergue, Millau e Gavaldá. I diritti sulla Provenza , Folcaquier e Perapertusés.

Inoltre Jaume I dette in sposa al figlio di Luig IX, Filippo III di Francia detto l'ardito, la sua 7ª figlia Isabella d'Aragona - Elisabet d'Aragó i d'Hongria avuta dalla sua 2ª moglie, Violant d'Hongria sposata nel 1235 dalla quale ebbe ben 8 figli.
Dal primo matrimonio con Leonor o Elionor de Castella nel 1221 nacque Alfonso di Aragona che morì prematuramente nel 1260.

Per la cronaca, come il nonno paterno Alfons II el Cast, Jaume I ebbe nove figli, 2 mogli e almeno 8 amanti documentate.. buon sangue non mente!
Top

LE RIFORME CHE PASSARONO ALLA STORIA.
Llibre del Consolat de Mar Jaume I fece una serie di riforme che passarono alla storia come il codice marittimo doganale e una riforma monetaria, la protezione degli ebrei. Il volume divenuto famoso in tutto il mondo, " Llibre del Consolat de Mar" rappresenta tutt'oggi una base per i rapporti/diritti commerciali derivanti dalla navigazione.

Tale istituzione fu perfezionata da Pedre III el Gran che creò anche il Tribunal del Consolat de Mar. In seguito il Libro del Consulado del Mar fu tradotto dal Catalano in varie lingue compreso l'Italiano e tutt'ora queste regole sono vigenti. Per onor di cronaca il primo testo che regolamentava il commercio e la navigazione, risale al 1063 e venne scritto a Trani, Italia con il nome di Ordinamenta Maris.
foto: Llibre del Consolat de Mar


GLI USATGES.
Si dal tempo di Vifredo el Velloso  le Gesta comitum Barcinonensium erano un'insieme di norme giuridiche che si riferivano ai più antichi canoni di diritto romano, visigoto e religioso, infatti abbiamo già parlato del testo che anticipava gli Usatges de Barcelona, ovvero la Pau i Treva de Deu dell'Abate Oliba.
Inizialmente in Calalogna vigevano una serie di codici giuridici che derivavano dal codice dell'Impero romano ben organizzato e strutturato, in seguito dal regno visigoto, privo di "tecnici" giuridici, non fece altro che copiare e quindi adattare alle proprie esigenze una serie di norme che appunto presero il nome di Leggi visigote o diritto visigodo che finirono per comporre il Codice di Leovigildo riconosciuto nei vari concili da Tolosa in poi. In seguito all'invasione musulmana l'impero Carolingio permise alla Catalogna di conservare le proprie leggi ma che sicuramente subirono una modifica fronte al nuovo stato. I conti che vissero in quell'epoca confluirono progressivamente sotto il controllo della Ciutad Condal di Berenguer I  che necessariamente dovette unificare anche le norme giuridiche di quell'epoca... gli Usatges. Forse per questo, l'unione delle contee fece nascere diversi Usatges che si perfezionarono con i successivi Conti di Barcellona come ad esempio Berenguer IV con la conquista di Lleida. In quel periodo storico esistettero gli Usatge di Barcellona, Girona, Lleida, Tortosa... etc che furono la base del diritto delle città e successivamente dei regni della corona di Aragona.
Queste norme riguardavano la descrizione dei delitti o "mali usi", la disputa giudiziale, le obbligazioni del vassallo verso il "Conte"e per ultimo il giuramento di fedeltà.

LE CORTI CATALANE - CORTES CATALANAS O CORT COMTAL / CURIA COMTAL
le corti catalane furono il massimo organo legislativo catalano derivanti da la Pau i Treva de Deu e dagli Usatges di Barcellona.

Las Cortes Catalanas (1192 - 1714) furono redatte definitivamente quando regnava Jaume I che convocò le Corti a partire dal 1218. Nacquero quindi dall'esigenza di creare una coscienza regionale (nel settore giuridico) che si riflette su delle norme adottate da tutti coloro che facevano parte della Corona di Aragona. Inoltre durante il regno di Jaume I si istituisce il Tribunale e la Cancelleria base degli archivi correnti della Corona d'Aragona, a Barcellona.

Le corti che in seguito dettero origine alle Corts Generals de Catalunya erano composta da tre rami o come venivano chiamati, da tre bracci, miliare ecclesiastico e reale ed avevano il compito di proporre o promulgare le leggi che potevano essere proposte dalle stesse corti o dal re ma comunque sempre approvate dal re che non poteva annullare le leggi una volta approvate.

Curiosamente pare che al contrario del Gran i Consell General de Mallorca i cittadini non fossero rappresentati a meno che, il braccio reale, che era la rappresentanza dei municipi non fosse in qual modo rappresentante per il popolo.

Il Consiglio dei cento. Consell de Cent 1249
Inizialmente il municipio di Barcellona era sotto la giurisdizione dei Veguer che rappresentavano il RE (abbiamo gia parlato dei Veguer, le veguerie ed il palazzo del Veguer). Pertanto si costituisce un organo governativo che rappresenta il re e regola i rapporti con i vari bracci (fasce sociali). Inizialmente era composto di 4 e poi 8 magistrati che tenevano relazione con i Veguer (si può pensare che il veguer avesse la funzione di sindaco o giudice di pace) i quali nominavano 100 persone con le mansioni di consulenti e funzionari. DA QUI, IL SALONE DEI CENTO, Saló de Cent.

Le funzioni del Consiglio verranno modificate da Pedro III el Gran (Pedro II de Barcelona) e Pere IV detto el Cerimonioso che nel 1335 dotò il Consiglio della famosa SENYERA uno dei simboli araldici più antichi.


Jaume I in Barcellona. -
La Barcellona dei Conti Re.
La sede medievale del Consulato del Mar ancora esiste ed è l'attuale Camera di Commercio di Bercelona. - Palau Reial Menor. - La Muraglia Medievale della Rambla (Barcellona scomparsa). Iniziata da Jaume I continuata da Pere III el Gran (Pere II de Barcelona) e finita da Pere IV el Cerimonioso (Pere III d Barcelona).  
Altri edifici: Vai all'indice


LA STORIA DELL'ESPANSIONE DELLA CORONA ARAGONESE

LA PAGINA È STATA SPOSTATA leggi: Espansione della corona di Aragona  - i Paises catalanes




Top








 

Itinerati turistici Spagna NAVIGA NEL PORTALE
INDICE DEL PORTALE
INDICE GUIDA DEL PORTALE
PORTALE BARCELONA SOVRANI ARAGONESI
JAUME I EL CONQUERIDOR
STORIA DEI SOVRANI DI ARAGONA
Storia della Corona di Aragona Los Reyes de Aragón
DISCENDENTI DI GIUFRÉ EL PILÓS
VOTA IL PORTALE -
Contribuisci a migliorarla
I -INSUFFICIENTE
S- SUFFICIENTE
B -BUONO

ISB

GRAZIE

INFORMAZIONI TURISTICHE 
Informazioni turistiche Visite guidate

DESCRIZIONI - STORIA - LEGGENDE
ITINERARI TURISTICI BARCELLONA
Visite guidate Barcellona

VISITE GUIDATE BARCELLONA 
ESPANSIONE NEL MEDITERRANEO
espansione nel mediterraneo de los paises catalanes
CORONA DI ARAGONA
STORIA DEI CONTI DI BARCELLONA
Storia dei Conti di Barcellona Barcelona ciutad Condal
BARCELONA CIUTAD CONTAL

STORIA DELLA CORONA DI ARAGONA
STORIA CORONA DI ARAGONA
HISTORIA DE LA CORONA DE ARGON

GUIDA STORICA di BARCELLONA:
GLI EDIFICI MEDIEVALI
 Pia Almoina
 Plaza del Àngel
 Plaza Sant Jaume:
 Palau Reial Major
 Palau Reial Menor
 Palau Virrey
 Palacio Lloctinent Archivo
 Sede dell'Inquisizione
 Santa Maria del Mar
 Santa Caterina
 Las Reales Atarazanas
 Barrio Medieval
 Barrio Gotico

JAUME I EL CONQUERIDOR

JAUME I EL CONQUERIDOR

Info Portalturismohotel Contatta Portalturismo info@portalturismohotel.com Lloret de Mar Spagna -
statistiche Valid HTML 4.01 Transitional Google Pagerank mérés, keresooptimalizálás Sito ottimizzato con TuttoWebMaster

LINK CONSIGLIATI - LINK EXCHANGE: