Albi il paese della cuccagna
Storia di Albi

VIAGGI IN CAMPER FRANCIA ITINERARIO NEI PAESI CATARI -
INFORMAZIONI TURISTICHE
HOME PORTALTURISMOHOTEL
Tour Spagna Tour Portogallo Tour Andorra Tour Marocco weekend in spagna Home Portalturismohotel Español Accueil Portalturismohotel Fraçaise Home Portalturismohotel English Reisen katalog
Cerca in Portalturismohotel.com:
I veideo di Portalturismohotel
logo Portalturismohotel.com
VIAGGI IN CAMPER
FRANCIA
I PAESI CATARI - ALBI
Parcheggio camper -  Albi
Parcheggio Camper
NELLA PAGINA - ALBI: RIASSUNTO STORICO
.- SEGUI LEGGENDO:
Precedente:
Viaggi in camper - Francia
Pagina Successiva: Diari di Viaggio
» Itinerario nei paesi Catari » Viaggi in Francia
» Pagina de Albi en albi en español

Viaggio nei paesi catari Albi


ALBI. IL GUADO. 
La cuccagna, sinonimo di abbondanza in Albi, si deve ad una pianta la Isatis tinctoria che nel XIII secolo, veniva lavorata nei mulini  per produrre una tinta indelebile di color blu. Lungo il fiume Tarn i contadini coltivavano questa pianta che nel Medioevo produceva 2 o 3 volte la normale produzione di un campo di grano. La sua origine si dice, proviene dall' Asia. Se qualcuno ha visto il film Braveheart può immaginare con che tipo di pianta facevano il colore per pitturarsi il viso.

La Isatis tinctoria, che ha anche proprietà medicamentose e antisettiche, era conosciuta come il "Guado" e in Albi, la massa lavorata veniva chiamata COCA , o COCAGNE (in occitano) e alcune volte veniva utilizzata anche come moneta per esempio per transitare sul ponte vecchio di Albi.
Mescolando il guado con altri prodotti, si ottenevano vari tipi di colori come quelli che per esempio, si trovano sugli arazzi o tappeti. Da questo racconto potete immaginare da dove viene la parola, Il paese della cuccagna". La coltivazione di questa pianta è conosciuta anche come "pastìs" perché nella lavorazione, talvolta, veniva usata "urina"
Inizio

» RIASSUNTO STORICO.

Albi I Celti si stabilirono dove oggi si trova la CATTEDRALE DI SANTA CECILIA, in seguito i Romani, nel I sec. a.c., la chiamarono Albiga dove si produceva grazie al "guado", la Isatis tinctoria, tessuti, vini, metalli etc..

Nell'età medievale Albi dipendeva dai Conti di Tolosa (Toulouse) che ebbero molti problemi con i Visconti loro vassalli che volevano controllare per loro conto i ricchi territori dei dipartimenti del Tarn e dell' Aude: Albi, Carcassonne, Narbonne, Bezier... Linguadoca - Rossiglione (Languedoc-Roussillon)..

La dinastia dei visconti con maggior esito fu quella dei Trencavel visconti dell'Aude, e di Razès  Carcassonne, Bezier, Nimes e Albi. Le continue lotte feudali favorirono i vescovi che finirono per trarne  vantaggio aumentando il loro potere, infatti si dice che Roger Trencavel nel 1176, mise il vescovo in carcere. Per questo motivo il fedele popolo cristiano non amava i Trencavel.

LA CONTEA DI TOLOSA.
La Contea di Tolosa nacque nell'epoca Carolingia nel 778 e annovera tra i conti alcuni personaggi descritti o menzionati in queste pagine, come Bernado di Septimania (835), Guillermo IV di Tolosa (987) (Gugliemo IV Tallaferro) figlio di Almodis de la Marca nel primo matrimonio, Simón de Montfort (1215) che conquistò la città durante la Crociata Albigese, Raimundo VI (1194) e Raimundo VII (1222). Per ultimo, dopo la morte di Raimondo VII, Alfonso de Poitiers, fratello di Luigi IX detto il Santo, Re di Francia, fu conte dal 1249 al 1271. Alla sua morte poiché non ebbe eredi, la contea di Tolosa venne annessa al regno di Francia da Luigi.

Curiosità.
Razèz o Rases in occitano, fu fondata dai romani che la chiamarono Rhedae che secondo alcuni corrisponde ad un borgo medievale visigoto conosciuto oggi come Rennes les Chateau dove si rifugiò un vescovo Cristiano cacciato da Narbonne dai vescovi Ariani quando ancora, prima del III Concilio di Toledo (598), il re visigoto Recaredo, abbracciasse la fede cristiana abbandonando quella ariana. Il concilio di Toledo era un'assemblea politico-religiosa indetta dal re. I concili furono 18 dal 397 al 702.
In seguito Razèz venne assorbita dalla contea di Carcassonne all'epoca Catara,  ed ecco il motivo per il quale nasce la storia/leggenda relativa Rennes les Chateau ed il suo tesoro.


Inizio 

» I CATARI.
L'origine di questa religione è molto antica, viene dal Zoroastrismo, il Manicheismo e il Bogomilismo, religioni dualistiche come quella Cristiana, che furono alla base della religione catara. I Catari, credevano che il corpo fosse opera del diavolo e l' anima, opera di Dio, inoltre, i "perfetti" non credevano in Cristo, nonostante il catarismo traeva le sue origini nell'antica Bibbia ... come la maggior parte di tutte le religioni: Musulmana, Ebrea, Cristiana .. ecc

emblema dei paesi catari Credevano nella reincarnazione ma non nell'Antico Testamento e nel simbolo della croce.
Alla base delle loro credenze, c'era il "consolamentum" unico  sacramento come il battesimo, ma di forma agnostica. Erano vegetariani e ascetici che significa rifiutavano il piacere di beni materiali, la lussuria, il sesso .. questo per liberare l'anima che apparteneva a Dio. Perciò detestavano la chiesa e la sua gerarchia che per molto tempo, come già spiegato nella pagina Catari di Carcassonne, perseguì i catari come "eretici" e i  nobili che li proteggevano dall'Inquisizione.

GNOSTICISMO E AGNOSTICISMO - opinione personale.
Da tempo l'umanità ha cominciato a pensare che lo spirito è l'essenza e parte integrante dell'uomo e che la ragione e la conoscenza è indispensabile per la sua evoluzione.
Questi pensieri si concretizzano in movimenti filosofici, per esempio come il Zoroastrismo - considerato l'inizio della filosofia e la conoscenza attraverso lo studio. La conoscenza (dal greco Gnosis) venne praticata e perfezionata dai filosofi Greci. Gli "gnostici" credevano che la salvezza dell'anima stava nella conoscenza dovuta all'intuizione e non come cristiani, che per salvare l'anima, dovevano avere fede nei dogmi  o come gli ebrei che l'anima veniva salvata solo con l'osservanza delle leggi di Dio.. Gli "agnostici", altro movimento, nell'ambito religioso, non potevano dimostrare o negare l'esistenza di Dio pertanto si astenevano da qualsiasi giudizio. Ambedue le correnti erano considerati eretiche
.

In Albi vivevano pochi eretici, probabilmente il 10% della popolazione, per questo la "crociata contro gli Albigesi", non fu così dura e crudele, come a Béziers e Carcassonne.
Gli abitanti di Albi con il commercio, possedevano molto denaro e come già detto, non erano partitari de visconti Trencavel, quindi con le sue milizie, appoggiarono la crociata francese e la città fu risparmiata da Simón de Montfort che uccise Raimundo Roger Trencavel (1185 - 1209) a Carcassonne e ottenuto l'allontanamento di Raimondo VI, divenne conte di Tolosa e di tutte le città conquistate.

Quando nel 1217 Raimondo VI riconquistò Tolosa, gli Albigesi giurarono fedeltà al vecchio conte e suo figlio, che alla fine, divenne conte di Tolosa. In quell'occasione Simón de Montfort perse la vita nel tentativo di riconquistare per la seconda volta Tolosa ed il figlio Amaury non fu capace di mantenere le contee di suo padre.

Nel 1237, Alfonso di Poitiers, sposò Juana de Tolosa, figlia di Raimondo VII divenendo Conte di Tolosa e quando nel 1271,morì senza lasciare eredi, suo fratello, Luigi IX, annesse la contea e tutto il Languedoc al regno di Francia.

Una volta scomparso il Visconte, i Vescovi divennero la prima figura politica-religiosa e iniziarono la costruzione della Cattedrale di Santa Cecilia - la Cathédrale Sainte-Cécile (Bernard de Castanet 1282) che assomiglia dall'esterno, più ad un castello fortificato che una chiesa. I Vescovi con l'arma dell' Inquisizione contrastarono anche il potere del re di Francia.

La costruzione della cattedrale durò circa 200 anni, durante i quali, i vescovi costruirono la loro residenza fortificata, il Palais de la Berbie, (il palazzo vescovile) che viene da Bisbia che in occitano, vuol dire vescovo..

Inizio

 IL PALAIS DE LA BERBIE.
Il Palazzo della Berbie
con la sua imponente torre di Saint Michel è stata la massima espressione del potere temporale dei vescovi. Iniziato nel 1228 da Durand de Beaucaire fu tribunale ecclesiastico e prigione. Disponeva di fortificazioni risalenti al tempo del vescovo Bernardo de Castanet quando iniziò la costruzione della cattedrale (1282) ma dopo molti anni andarono distrutte ed il palazzo divenne proprietà del consiglio comunale che nei primi anni del ventesimo secolo costruirono saloni e biblioteca ed un magnifico giardino alla francese. La Berbie è stato poi trasformato nel Museo di Toulouse-Lautrec nel 1922. Visita imprescindibile.

Inizio

 LA CATTEDRALE DI SANTA CECILIA.
Come già accennato, la sua costruzione in gotico meridionale è dovuta al vescovo Bernard de Castanet che la iniziò nel 1282, oggi patrimonio mondiale dell'Unesco. La porta d'entrata, la magnifica “Dominica de Florence” fu costruita nel XIV secolo, ed il campanile alto 78 metri fu costruito un secolo più tardi.
Le dimensioni della chiesa - fortezza sono molto ampie, la lunghezza esteriore è di 113 metri (100 all'interno)e la larghezza di 35 metri (30 interno) e 40 metri di altezza (30 interno).

I disegni intorno all'altare rappresentano il Giudizio Universale con i sette peccati capitali, ma non è l'unica meraviglia della cattedrale come esempio la navata (97 x 28). Agli inizi del Cinquecento, artisti italiani provenienti da Bologna dipinsero di colore blu in stile rinascimentale ponendo il Cristo e la Vergine circondati da tutti i santi patroni.

Sopra il Giudizio Universale un organo del XVIII secolo, il Coro, dove si riunivano i canonici per officiare la parola di Dio. Il Coro è conosciuto anche come "Il Jubé"  costruito in pietra bianca (pietra calcarea) in stile gotico fiammingo. In Francia, Il Jubé si trova in alcune cattedrali e normalmente sarebbe come un coro alto che separa il coro dal presbiterio. Questo nome viene dalle prime parole che pronunciava l'oratore: "Jube, domine, benedicere",  voglia il Signore benedire...

L'esterno della cattedrale mostra i muri larghi 2.5 metri e la torre che veniva usata anche come prigione. 

IL QUARTIERE VECCHIO.
Le tipiche case di questa regione sono costruite con legni di sostegno  che si vedono dall'esterno e i tipici  Mattoncini rossi. Percorrendo Rue de Castelviel, ci addentriamo nel quartiere vecchio con le sue stradine strette  e le case un poco storte che pendono verso la strada... la fantasia ci riporta all'epoca medievale di Albi e dei Visconti Trencavel che avevano il castello dove si trova Plase du Château. 

Prima che la contea venne annessa al regno di Francia (Luigi IX - 1271), il castello appartenne a Simón de Montfort, comandate della crociata contro i Catari o Albigesi che si appoderò di tutti i titoli nobiliari delle città conquistate. Il Castello del conte fu demolito nel XVII secolo. -

albi alrededor de la catedral Passeggiando per le strade che fiancheggiano l'antica cattedrale si può apprezzare la somiglianza architettonica tra la stessa cattedrale ed il Palazzo della Berbie. Incontreremo un luogo che fu "el tribunal de la temporanité" dove i vescovi, signori della città, impartivano la giustizia in virtù del "potere temporale". Oggi è un ristorante. 
Inizio

COSA VEDERE IN ALBI

- Museo Toulouse-Lautrec

- Castello, o il palazzo della Berbie – I giardini.

- La cattedrale con il suo museo. 

- Maison Enjalbert casa tipica signori ed il vicino Hotel Reyes (XVI siglo) – Rue Timbal..

- Vedere la mappa(cartina) del quartiere vecchio o centro storico. Rue de Castelviel.

- Place du Trabaile - Resti della cattedrale romanica.. dove stava la "porta dei Canonici" che faceva parte dell'antiche mura che separavano il Castelviel dal resto di Albi

- La chiesa collegiata ed il chiostro di San Salvi (X secolo) dove si riconoscono gli stili romanico e gotico. L'antico chiostro, e uscendo, si accede ad una graziosa piazzetta con archi. Anticamente era il quartiere di San Salvi, sviluppato nel XI secolo grazie alla presenza di venditori ambulanti e artigiani.. Oggi sottogli gli archi, ci sono diversi ristoranti (guarda il video) e nella piazza si svolgono concerti o manifestazioni estive.

- Il Mercato Coperto. Le marche couvert, ispirato ad un mercato Parigino del novecento,  fu costruito da André Jule Michelin, fratello di Edouard, fondatore dell'omonima casa di pneumatici.

- Il Ponte vecchio - Quartiere della Madeleine.
Grazie alla costruzione del ponte vecchio nel XI secolo ci fu una crescita demografica, artigianale e commerciale nella periferia di Albi. Man mano che il potere politico - religioso si accomodava sulla riva sinistra del Tarn, il quartiere sulla riva destra si popolava sempre più di emarginati e povera gente.

Nel medioevo si svilupparono sulle rive del Tarn varie attività che utilizzavano l'acqua del fiume. Si costruirono mulini, tintorie, fabbriche di mattoni.. etc

- Il Museo Lapérouse, nel quartiere della Madeleine.
Il museo è dedicato a
 Jean François Galoup de Lapérouse autore del tragico viaggio in Australia...

- Il rio Tarn (scendere Place du Trabaile) con i mulini, i bastioni della città.. una passeggiata con una vista spettacolare di Albi con il suo ponte vecchio che si riflettano nell'acqua.

- La casa Natale di Toulouse-Lautrec, Palacete du Bosc, dovrebbe trovarsi in rue.. al 14. Mentre al numero 16 si trova la casa dove visse
Jean François Galoup de Lapérouse. vedere video Nella carta generale vedi il n.13 
Itinerati turistici Spagna NAVIGA NEL PORTALE
INDICE DEL PORTALE
INDICE GUIDA DEL PORTALE
PORTALE: DIARI DI VIAGGIO
FRANCIA 2011 VIAGGIO NEI P. CATARI
VIAGGI IN CAMPER ALBI FRANCIA
ALBI FRANCIA
DESCRIZIONI - STORIA - MAPPA
VOTA IL PORTALE -
Contribuisci a migliorarla
I -INSUFFICIENTE
S- SUFFICIENTE
B -BUONO

ISB

GRAZIE

INFORMAZIONI TURISTICHE ITINERARI
Informazioni turistiche Visite guidate

GUIDA TURISTICA CITTÀ DELLA SPAGNA
DIARI DI VIAGGIO PER IL MONDO
Diari di Viaggio - appunti - Viaggi in Camper
VIAGGI IN CAMPER IN EUROPA
INDICE GUIDA DEGLI ITINERARI NEI PAESI CATARI.
 

VIAJAR EN AUTOCAROVANA
VIAJAR EN AUTOCAROVANA
FRANCIA ITALIA ESPAÑA PORTUGAL
VIDEO DI ALBI

ALBI - FRANCIA
VIDEO CATTEDRALE DI  ALBI.

FRANCIA


MAPPA DEL TARN - www.tourisme-tarn.com - ALBI E DINTORNI -
COSA VEDERE-
DINTORNI DI ALBI CITTA MEDIEVALI

ABBIAMO VISITATO VICINO AD ALBI:
Pagina con descrizione e video in "Castigliano:"
- Cordes sur Ciel 
- Castelnou de Montmital  
- Ambialet 


CARTINA DEL CENTRO STORICO DI ALBI
ALBI CENTRO STORICO

Parcheggio per camper

 Informazioni turistiche Albi Franci
Informazioni turistiche Albi Francia
.
OFFICE DE TOURISME D'OCCITANIE
Le Grifol – Rue Perroty, 3
81100 Albi 
0034 0563533041
adoc-tourisme-oc@orange.fr

l'officina di turismo organizza visite guidate per la città, nei musei e in barca sul fiume.

PAGINE IN SPAGNOLO
:
- Hemos visitado también, más o menos 25 kilometros alrededor de Albi: ver el Video en la pagina de las mapas
- Cordes sur Ciel 
- Castelnou de Montmital  
- Ambialet 

donde, dicen, se encuentran restos del castillo de los Trencavel. 
 
VIAJAR EN AUTOCARAVANA
parcheggio per camper - gratuito Albi.  Inizio

ALBI
Il ponte veggio di Albi
Il ponte vecchio di Albi
molinos de albi
Albi il mulino per fare il guado
PALAIS DE LA BERBIE
PALAZZO - CASTELLO DE LA BERBIE - ALBI
PALAZZO - CASTELLO DE LA BERBIE - ALBI

Palais de la Berbie exterior
Palais de la Berbie esterno
Palazzo dei Vescovi la Barbie interno
Palazzo dei Vescovi la Barbie interno
Giardino alla francese- Palais de la Berbie
Giardino alla francese- Palais de la Berbie
LA CATTEDRALE DI SANTA CECILIA ALBI
LA CATTEDRALE DI SANTA CECILIA ALBI
Porta Dominica de Florence
Porta Dominica de Florence
foto interno di Santa Cecilia
interno di Santa Cecilia
Museo della Cattedrale di Santa Cecilia
Museo della Cattedrale di Santa Cecilia

MAPPA DI ALBI - CARTINA DI ALBI
Info Portalturismohotel Contatta Portalturismo info@portalturismohotel.com Lloret de Mar Spagna -
statistiche Valid HTML 4.01 Transitional Google Pagerank mérés, keresooptimalizálás Sito ottimizzato con TuttoWebMaster

LINK CONSIGLIATI - LINK EXCHANGE: