CASTELLO GALA DALÍ
CASTILLO DE PÚBOL

DESCRIZIONE MUSEO DE PÚBOL: LE SALE 2ª PARTE - PAG.4/4

HOME PORTALTURISMOHOTEL
Tour Spagna Tour Portogallo Tour Andorra Tour Marocco weekend in spagna Home Portalturismohotel Español Accueil Portalturismohotel Fraçaise Home Portalturismohotel English Reisen katalog
Cerca in Portalturismohotel.com:
I veideo di Portalturismohotel
logo Portalturismohotel.com
CASA MUSEO DE PÚBOL
DESCRIZIONE
NELLA PAGINA: CASA MUSEO GALA DALÍ DI PÚBOL
*Alcune immagini sono state tolte perché non sappiamo se infrangono i diritti d'autore.. in questo caso del Museo Dalí
.- SEGUI LEGGENDO:
Precedente:
Casa Museo de Púbol - Descrizione - 1ªparte
Successiva:
Indice guida delle pagine di Salvador Dalí

PAGINE PRINCIPALI ITINERARIO MUSEI DALÍ
»
Museo Dalí Figueres - Museo Port Lligat -
Museo Púbol
Castillo de Púbol Castello Gala  Dalí
7 - LE STANZE DI GALA. L’ABITAZIONE DISTRUTTA DAL FUOCO.

La stanza Blu Museo di Púbol
La stanza Blu di Gala

La camera blu. Dalí  dopo la morte di Gala si stabilì nel Castillo de Púbol, dove era sepolta Gala.

Ormai infermo necessitava costantemente l'ausilio medico quando il 30 agosto del 1984, Dalí suonando continuamente il campanello a pera per chiamare l’infermiera, provocava incidentalmente un incendio che in seguito lo avrebbe condotto in ospedale.

Una volta dimesso non tornò al Castello ma si stabilì permanentemente nella Torre Galatea di Figueres. 

Non avrebbe più fatto ritorno a Púbol visto il precario stato di salute.  Della camera di Gala si distrussero una certa quantità di oggetti ed altri vennero restaurati.
La toilet di Gala é ricavata nell’ antica cucina del castello ed ha un bagno nascosto. I rubinetti dorati sono un riferimento alla “maledizione del Re Mida", tutto quello che si tocca diventa oro. É un riferimento alchemico che per loro era una benedizione..
Inizio

8 - LA BIBLIOTECA PERDUTA.
Biblioteca Descrizione del Museo di Púbol Si chiama così per via di una piccola libreria con 40 libri di letteratura russa e francese ed altri oggetti che sono stati dati a Cecile Grindel, figlia di Gala e di Paul Eluard (Eugène Émile Paul Grindel) come previsto dal testamento, insieme ad una compensazione economica ed altri oggetti provenienti da Portlligat come la toilette dell’abitazione di Gala, unitamente a sofà, candelabri, tappeti ecc. 
 
SCACCHI DEDICATI A MARCEL DUSCHAMP con i pezzi a forma di dito (si presuppone che il modello sia il dito di Dali). 
Le torri invece sono simili al Hotel San Ragis di New York dove Dalí era solito alloggiare.
La corona della regina è fatta con un dente dell’artista.
Inizio

I FIORI SEMPRE VIVI Los flores de PorlligatI FIORI SEMPRE VIVI – li chiamarono così perché un poema di Garcia Lorca, EL ROMANCERO GITANO, descriveva le stelle nella notte che diventarono semprevive”
Nella sala sono presenti una serie di quadri e gravati: La foto “tete a chateaux” (dove Lecroix aveva fatto in modo che nella pupilla di Gala si intravedesse un angolo del giardino di Púbol). La grandes place di Vosges du teps di LUIS XIII.

EL Print Club of Cleveland del quale INCONTRIAMO DIVERSE RIPRODUZIONI NEGLI ALTRI MUSEI.  HERMES E Mercurio ed inoltre SI RIPETE LA SCULTURA SILLA CON CUCHARA.. 
Inizio

9 - L' ABITAZIONE ROSSA LA STANZA ROSSA.
La stanza rossaLa stanza serviva per gli ospiti di Gala, addobbata con il rosso che è il colore predominante dei cortigiani e poiché Gala era sufficientemente superstiziosa, credeva nella CARTOMANZIA ed altro per questo non stupitevi quando vedrete sulla porta un bel ferro di cavallo contro la mala suerte.
In questa stanza, posti in una vetrina ci sorprende una collezione di oggetti vari il cui significato risvegliano l’immaginazione di Dalì ricordando un poco la Valigia di Duschamp, quello che un pittore non può dimenticare. Contiene una Sagrada Familia commerciale , una Porcellana, l’ immagine della Vergine, un torero, una coppia di fidanzati, una gitana e anche una orologio blando, fatto con pasta di vetro chiamato, Colgador Reloj del 1971. Per finire l’immancabile sempreviva.
Inizio

10 - LA SALA DA PRANZO E L’ULTIMA PITTURA.
Questo ambiente conserva la struttura originale a parte gli elettrodomestici che sono stati tolti. Gala e Dalí non usavano molto la cucina, solitamente era Dolors, la “masovera” , una donna di paese che si occupava un pó di tutto e che preparava loro i pasti. Tradizionalmente viveva con il marito, el Masover, nella tenuta dei proprietari, al quale venivano affidati i lavori più pesanti.
(Vedi il grazioso video relativo al ballo della Masovera che se va al mercát).

Il cavalletto, la poltrona ed i colori, una luce fioca che viene dalla finestra sono un luogo poco ideale per dipingere ma è qui che dipinse gli ultimi quadri della sua vita mentre i primi della sua gioventù vennero dipinti nella lavanderia della casa paterna di Via Monturiol, 20 di Figueras.

Le ultime opere riflettono la depressione a causa della decadenza di Gala. Traspare anche l’aggressività con la quale affrontava la vita come si denota nella tela la " MESILLA DE NOCHE ATACADO VIOLENTEMENTE A UN VIOLONCELLO". La depressione preoccupava maggiormente i medici quando  l'illustre infermo non desiderava uscire ne vedere il sole. Solo si preoccupava di quella teoria delle catastrofi di René Thom e degli omaggi a Velasquez o Michelangelo. Infine poiché la luce lo infastidiva dipingeva quasi al buio. Nel 1983 dopo la grande esposizione antologica di Madrid, smise di dipingere.
Il cavalletto era situato nei pressi della porta (ora murata) che anticamente dava l’accesso alla Chiesa, come usavano i Baroni di Púbol.
Inizio

L’ARMADIO DELIRANTE.
Con una adeguata contemplazione si potrebbero scoprire una serie di tesori nascosti tra le porcellane e piatti di questo armadio.
Dalí inventò il “metodo Paranoico critico”, definito come il metodo spontaneo di conoscenza irrazionale dei fenomeni deliranti”. Questa è la migliore occasione per sperimentarlo osservando le figure ritratte nella ceramica.

Il gioco sta nell’osservare le cinque brocche ed i cinque contenitori (caffè, zucchero ecc.) ed i piatti, che ritraggono tutti l’Angelus di Millet
Un piccolo busto di un guerriero, una figura che ritrae il tipico costume catalano. Pietre, fossili ed un uovo attraversato da una freccia. Una pittura ad olio, Vista de Púbol degli anni settanta. Il viso di Gala ritratto in un mollusco fossile (sesso femminile), un Cristo Twisteado eccetera. Queste risposte troverebbero conferma nel libro scritto da Dalí: le Mythe tragique de l'angelus de Millèt.

La disposizione, è casuale o predeterminata? Qual'è il significato? Quali sono i fenomeni deliranti associati all’angelo di Millèt?
Come descritto nel libro, sono messaggi di aggressione sessuale repressa? Stanno pregando il loro bambino sepolto? Rappresenta Il crepuscolo della vita?
Tra i vari pezzi osserviamo il "Cristo desnudo en la cruz, degli anni 50 dedicato a Gala.
Inizio

11 - LA SALA DEI VISTITI DI GALA.
Questo luogo era uno ripostiglio e quando un giorno del 1982, arrivarono quadri dagli Stati Uniti che ormai Dalí aveva dimenticato, si convertì in un magazzino. 
Dalí si emozionò nel rivedere quelle tele di cui non ricordava l’esistenza.

La ristrutturazione di questo magazzino é fatta dalla Fondazione Gala-Salvador Dalí, con l’ausilio dell’Architetto Oriol Clos, in uno stile totalmente diverso dal resto del castello, consono per contenere i vestiti esposti.

La musica di sottofondo di Tristan e Isotta di Wagner (la solita usata per il museo di Figueras), ci accompagna nella visita.
Dopo la restaurazione tramite “il Centre de Documentaciò i Museu Textil de Terrassa”, vengono mostrati i vestiti di Gala firmati da famosi stilisti come Jean Dessen, Cristian Dior, Pier Cardin, Elizabet Arden, etc. Vi possiamo incontrare anche la famosa camicia azzurra di Salvador Dalí e altre cose particolari
Inizio

12 - EL DELME CONVERTITO IN UNA CRIPTA.
EL DELME CONVERTITO IN UNA CRIPTaNel medioevo la gente del villaggio veniva qui a pagare le tasse, la decima o el diezmo. In questo luogo, nel delme del Castillo, visto che a volte mancava il denaro, la tassa si risolveva nel pagamento in natura. Si racconta che quando Dalí acquistò il castello, il “Masovero” chiese il permesso di seminar patate nell’orto. Dalí gli rispose che poteva lavorare il terreno senza che questi dovesse darle una percentuale però gli chiese in compenso un pane di 4 chili. Il Masovero si recò frettolosamente dal fornaio del luogo che disse che non disponeva di un forno così grande e di questo non si tornò più a parlare del arcgomento. Si può dire che la decima fu estinta.

Durante i primi anni di Gala, il Delme venne concesso agli abitanti del paese per celebrare la Festa Major del luogo. 
Gala dette aiuti economici per la festa, e donò anche dei quadri al comune de la Pera. 

La cripta odierna venne costruita nel 1982 quando ormai Gala non mostrava segni di miglioramento. L’ 11 giugno 1982 moriva in Portlligat e successivamente veniva imbalsamate e posta nell’attuale cripta in compagnia delle tre figure di gesso ed una giraffa disseccata.

Prima dell’incendio occorso a Dalí, questi aveva deciso di costruire un monumento funerario simile a quello destinato ai genitori della regina di Francia, Anna di Bretagna, nella Cattedrale di Nantes però dopo l’incidente il progetto rimase tale. 

È certo, che Dalí disse ai suoi intimi amici di voler essere sepolto in Púbol con il viso coperto e senza fiori, ma poi nella clinica di Quiron di Barcellona, ormai prossimo alla morte, chiese di vedere il sindaco di Figueres, Marià Lorca, al quale chiese di essere interrato nel Museo di Figueres. Molti si stupirono ma tutto ciò ha un filo conduttore che risale al 1968 dove Gala e Dalí parlarono di due Panteon diversi, Púbol e Figueras. Segui leggendo: Indice guida delle pagine di Salvador Dalí
Indice
Guida turistica della Spagna e Catalogna NAVIGA NEL PORTALE
INDICE DEL PORTALE
INDICE GUIDA DEL PORTALE
PORTALE: SALVADOR DALÍ
CASA MUSEO DI PÚBOL 2ª PARTE
MUSEO DI PÚBOL SECONDA PARTE
MUSEO DI PÚBOL SECONDA PARTE
DESCR. INTERNI DEL CASTILLO DE PÚBOL
VOTA LA PAGINA -
Contribuisci a migliorarla
I -INSUFFICIENTE
S- SUFFICIENTE
B -BUONO

ISB

GRAZIE

INFORMAZIONI TURISTICHE ITINERARI
Informazioni turistiche Visite guidate
GUIDA TURISTICA CITTÀ DELLA SPAGNA
DESCRIZIONE LOCALITÀ TURISTICHE
DESCRIZIONE LOCALITÀ TURISTICHE COSTA BRAVA GIRONÈS EMPORDÀ
COSTA BRAVA - GIRONÈS - EMPORDÀ
IL SURREALISMO - DALÍ VITA E OPERE
MUSEI DALÍ
DESCRIZIONE MUSEI SALDADOR DALÍ
Biografie Pittori, Architetti
BIOGRAFIE PITTORI E ARCHITETTI
VISITE GUIDATE GUIDE TURISTICHE
VISITE GUIDATE GUIDE TURISTICHE
VISITE GUIDATE LISTA GUIDE LOCALI
Visite guidate Musei Salvador Dalí

CASTELLO DE PÚBOL CATALUNYA ESPANYA
CASTILLO DE PÚBOL
LE STANZE DI GALA
Interno del bagno

La toilet il bagno di Gala

i rubinetti dorati

Letto di Gala


Il Delme oggi la cripta di Gala
Il Delme oggi la cripta di Gala

Informazioni Musei di Barcellona e Musei Dali Costa Brava
MUSEI BARCELLONA E COSTA BRAVA
ESCURSIONI E VISITE GUIDATE
Catalogna: Escursioni Barcellona Girona Montserrat Costa Brava Visite guidate

ESCURSIONI IN CATALUNYA
VIAGGI IN CATALOGNA PER VISITARE I MUSEI DI SALVADOR DALÍ
VIAGGI A BARCELLONA
pACCHETTI VACANZE BARCELONA SITGES E MONTSERRAT
BARCELONA SITGES MONTSERRAT
VIAGGI ORGANIZZATI COSTA BRAVA
VIAGGI ORGANIZZATI COSTA BRAVA
OFFERTE VIAGGI INDIVIDUALI
Lloret de Mar - Costa Brava
  1. Offerta - Lloret de Mar
  2. Vacanze di Pasqua
  3. Vacanze di Carnevale
  4. Vacanze di Natale e Vacanze di Capodanno
Info Portalturismohotel Contatta Portalturismo info@portalturismohotel.com Lloret de Mar Spagna -
statistiche Valid HTML 4.01 Transitional Google Pagerank mérés, keresooptimalizálás Sito ottimizzato con TuttoWebMaster

LINK CONSIGLIATI - LINK EXCHANGE: